Spettabile


La presente per condividere i seguenti importanti aggiornamenti:
 
  • Con l'ordinanza emanata in data 28 agosto dal Ministro della Salute Roberto Speranza cade il divieto in entrata per gli studenti provenienti dal Bangladesh, Brasile, India, Sri Lanka. La notizia è importante sia perchè, soprattutto dal Brasile e dall’India, erano numerosi gli studenti nel limbo sia perchè da tali nazioni il divieto in entrata permane per quasi tutte le altre categorie di cittadini (sarà quindi per esempio vietato ai genitori accompagnare i figli nel loro viaggio in Italia, usanza diffusa soprattutto tra i neo-iscritti provienti dall'India). La stessa ordinanza cancella la mini quarantena di 5 giorni per chi viene dal Regno Unito (se completato il ciclo vaccinale e contemporaneamente si dimostri un test negativo). Tali misure sono effettive da domani 31 agosto fino al 25 ottobre.
 
  • In relazione alla comunicazione dal titolo “GREEN PASS: LA PROBLEMATICA DEGLI STUDENTI STRANIERI NON COPERTI DAI VACCINI AUTORIZZATI” con la quale, in data 9 agosto, Eduitalia ha segnalato alle Istituzioni competenti la problematica del mancato ottenimento del Green Pass per tutti gli studenti provenienti da nazioni i cui vaccini non sono riconosciuti dall’EMA non si registrano a oggi significativi aggiornamenti. Per quanto sembrerebbe che l’EMA stia verificando il riconoscimento di ulteriori vaccini rispetto ai 4 ufficialmente autorizzati, in relazione alla richiesta fatta pervenire da Eduitalia alle Istituzioni - ovvero che si estenda anche agli studenti sopracitati quanto a oggi previsto per gli abitanti di San Marino (territorio che come noto ha adottato un vaccino non autorizzato dall’EMA ma i cui cittadini hanno diritto fino al 15 ottobre al Green Pass per muoversi in Italia)- la consapevolezza è che la soluzione non sia imminente. Che la soluzione non sia imminente, lo si deduce dall’obbligo per gli stessi abitanti di San Marino che -per poter continuare a usufruire del Green Pass dopo il 15 ottobre- dovranno dimostrare l’inoculazione di un terzo vaccino rientrante questa volta tra quelli autorizzati dall’EMA.

  • Eduitalia ringrazia per le numerose testimonianze provenienti in seguito alla comunicazione del 9 agosto dagli Uffici Internazionalizzazione; si confida nel fatto – considerando che il riconoscimento dei vaccini può essere oggetto sia di una decisione dell’Ema ma anche di un provvedimento nazionale emesso dall’AIFA- che si possa comunque addivenire a una soluzione che consenta la libera circolazione per giovani studenti vaccinati in patria e con successivo tampone negativo effettuato sul territorio italiano.

  • Si ricorda a ogni buon fine –come già evidenziato da Eduitalia nella newsletter del 9 agosto alla quale si rinvia per ogni approfondimento- che gli studenti internazionali hanno la possibilità di vaccinarsi gratuitamente in Italia.


  • Da ultimo ma non per ultimo, ci preme evidenziare il cruciale lavoro degli Uffici Visti italiani nel mondo. Pur avendo, in questa calda estate italiana, Eduitalia ricevuto decine e decine di mail provenienti dagli Istituti associati preoccupati da eventuali limitazioni anche di personale dovuto alla pandemia, siamo sempre stati rassicurati che, in base alle date di inizio dei corsi previsti per gli studenti, il visto sarebbe stato concesso regolarmente. A oggi nessun problema è stato segnalato e gli studenti -in regola con i requisiti ex lege previsti- stanno ottenendo nei tempi giusti l’autorizzazione amministrativa per venire in Italia. Di questo cruciale aspetto Eduitalia- a nome delle sue 114 Scuole/Accademie e Università associate- è grata al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, all'efficiente Unità Visti e ai dialoganti Uffici Visti italiani nel mondo.